Nuovo estratto di Destined!

Enjoy!!!

Yasmine glanced briefly at Laurel and Tamani before lowering her voice. “I can do great things,” she said, so quietly Laurel scarcely heard. “You have told me for years, that I can and will do great things.”

“That is precisely why you must stay here,” Jamison said, lifting one hand to touch her face. “What we go to do now is not great—it is only necessary. It is more important now than ever that you remain alive so that you can do those great things. Avalon cannot afford to lose you, or all our efforts will have been in vain, in the very moment they are nearest to blossoming.”

Whether Yasmine understood Jamison’s cryptic speech or not, she nodded her assent, then turned to follow Marion, who hadn’t waited for her. Jamison’s eyes followed the two Winter faeries until they reached the Palace and were safely inside with their Am Fear-faire. Only then did he turn back to the group. “Come,” Jamison said, his voice choked as he led them down.

“There are . . . so many,” Laurel said to Tamani, as they followed Jamison, passing lines of sentries still marching up the path that led to the Winter Palace.

“Two hundred, give or take,” Tamani growled.

“Two hundred?” Laurel exclaimed, her breath catching in her throat. “Does she really need that many?”

“Of course not,” Tamani said.

Laurel hesitated. “Can Avalon spare that many?”

“Of course not,” he repeated, weakly. “Let’s go.”

Traduzione:

Yasmine guardò brevemente Laurel e Tamani prima di abbassare la voce. “Posso fare grandi cose”, disse, così piano che Laurel la sentì a malappena. “Tu mi hai detto per anni, che posso e che farò grandi cose.”

“Proprio per questo motivo è necessario che tu resti qui”, disse Jamison, sollevando una mano per toccarle il viso. “Quella che andiamo a fare ora non un’azione grande, è solo necessaria. E ‘più importante, ora più che mai, che tu rimanga in vita affinché tu possa fare quelle grandi cose. Avalon non può permettersi di perdere te, o tutti i nostri sforzi saranno stati vani, proprio nel momento in cui sono più vicini a sbocciare. ”

Sia che Yasmine avesse capito discorso criptico Jamison o meno, lei annuì in segno di assenso, poi si voltò per seguire Marion, che non si era fermata ad aspettarla. Jamison seguì con lo sguardo le due fate d’inverno finché non raggiunsero il Palazzo ed furono al sicuro dentro esso con il loro Am Fear-faire. Solo allora si girò di nuovo verso il resto del gruppo. “Vieni,” disse Jamison, la sua voce strozzata, mentre li conduceva in basso.

“Ce ne sono. . . così tanti “, Laurel disse a Tamani, mentre seguivano Jamison, passando per le linee di sentinelle ancora in marcia lungo il sentiero che portava al Palazzo d’Inverno.

“Duecento, prendere o lasciare”, ringhiò Tamani.

“Duecento?” Esclamò Laurel, il respiro le si fermò in gola. “Ha davvero bisogno di così tante sentinelle a suo seguito?”

“Certo che no”, disse Tamani.

Laurel esitò. “Avalon può risparmiarne così tanti?”

“Certo che no”, ripetè, debolmente. “Andiamo.”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...