Ultimo estratto di Destined

Buon giorno Faeries! Aprilynne ha postato, in occasione dell’uscita di Destined in America, l’ultimo teaser di Destined e, in questo caso, l’ultimo della saga. Non posso credere che siamo già giunti al termine di questa favolosa storia!
Purtroppo noi lettori italiani sapremo come andrà a finire l’anno prossimo, ma la tristezza la sento comunque.

Ma non pensiamoci adesso!
Ecco a voi l’ultimo estratto di Destined! (se volete leggerlo sul blog di Aprilynne cliccate QUI)

ENJOY!!

They slammed doors and started walking toward the forest when Tamani stopped them, his face deadly serious.
“David, Chelsea, as I said before, there have only been the barest handful of humans admitted into Avalon. But those who have . . . sometimes, they don’t come back. If you come with us into the forest, I don’t know what will happen. And I don’t know what would be worse—if they turn you away at the gate, with no time to get back to your car, or if they were to actually let you in.”
He held David’s gaze for a long time before David nodded once. Then he turned his eyes to Chelsea.
“I can’t stay here,” she said softly. “I would hate myself for the rest of my life.”
“Fair enough,” Tamani said, almost under his breath. “Then let’s go.”
Tamani led the way down the serpentine path, moving through the forest with such confidence and determination that Laurel and her friends almost had to run to keep up. Laurel knew there had to be sentries marking their progress, and around every corner she expected them to appear, as they had often done when she’d entered the forest with Tamani. But the woods remained eerily still.

Traduzione:
Sbatterono le porte e cominciarono a camminare verso la foresta quando Tamani li fermò, il suo volto terribilmente serio.
“David, Chelsea, come ho detto prima, c’è stato solo un piccolissimo gruppo di umani che è stato ammesso ad Avalon. Ma quelli che sono entrati. . . a volte, non sono tornati. Se venite con noi nella foresta, non so cosa accadrà. E io non so cosa sarebbe peggio, se loro si allontanassero dal cancello, senza lasciarvi il tempo di tornare alla tua auto, o se fossero realmente intenzionati a lasciarvi entrare ”
Tamani sostenne lo sguardo di David per molto tempo, prima che David annuì. Poi volse lo sguardo a Chelsea.
“Non posso stare qui”, disse lei a bassa voce. “Mi odierei per il resto della mia vita”.
“Va bene”, disse Tamani, quasi sottovoce. “Allora andiamo”.
Tamani aprì la strada lungo il percorso a serpentina, muovendosi attraverso la foresta con una tale sicurezza e determinazione che Laurel e i suoi amici quasi dovettero correre per tenere il passo. Laurel sapeva che dovevano esserci sentinelle che stavano osservando i loro movimenti, e dietro ogni angolo si aspettava di vederli apparire, come avevano fatto spesso quando lei era entrata nella foresta con Tamani. Ma gli alberi erano rimasti stranamente fermi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...