Estratti da Life After Theft #18

lat

Kimberlee rolled her eyes. “Is the little princess making up stories?”
“They’re not stories, Kimberlee, and you know it.”
Her face closed into an unreadable expression.
I took a step back and put my hands on my hips. “I want to hear it from you.”
She forced a smile, but fakeness radiated from her so brightly I couldn’t believe I’d ever been fooled. “I stole her skirt and shoes. I already admitted I shouldn’t have done that.”
“Don’t give me that!”
“What?”
“This ‘I’m-just-a-poor-demented-klepto’ crap. Stealing was the least of your problems, Kimberlee. And I should have realized it a long time ago.”

Kimberlee roteò gli occhi. “La principessina sta facendo storie?”

“Non sono storie, Kimberlee, e lo sai.”

La sua faccia si chiuse in un’espressione illeggibile.

Feci un passo indietro e misi le mani sui fianchi “Voglio sentirlo da te.”

Lei si sforzò di sorridere, ma la falsità con cui lo faceva irradiava luce in modo così intenso che non potevo pensare di essere fregato. “Ho rubato la sua gonna e le sue scarpe. Ho già ammesso che non avrei dovuto farlo.”

“Non darmi questa scusa!”

“Cosa?”

“Questa stronzata del ‘Sono-solo-una-povera-kleptomane-pazza’. Rubare era l’ultimo dei tuoi problemi, Kimberlee. E avrei dovuto capirlo tanto tempo fa.”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...