Earthrise ordinabile su Amazon!

Pronti a seguire Tavia, Quinn e Benson nell’ultimo capitolo della saga di Soulmates?
Potete ordinare Earthrise (edizione in lingua inglese) su Amazon.it a questo link :

http://www.amazon.it/Earthrise-Volume-3-Aprilynne-Pike/dp/1941855024/ref=tmm_pap_title_0?ie=UTF8&qid=1441040222&sr=8-14

Buona lettura! ;D

Annunci

Estratti da Earthbound (-1)

earthboundfull

CHAPTER THREE

Usually my nightmares are about the crash, about those moments I don’t remember. Sometimes I’m forced to watch as my parents’ bodies rip apart in slow motion, blood splattering across my eyes and painting my vision that unmistakable red. Sometimes it’s me—my hands—being crushed in the debris. They curl into unnatural angles, the bones snapping until they’re nothing but a mangled mass.

Which is what should have happened.

Maybe I’m morbid, but while I was in the hospital I spent a lot of time on the Internet looking at photos of the crash site. And even though the media didn’t get my name, they knew which seat I was in.

“According to analysts, the frame should have crumpled here, and here,” one reporter said as she pointed to two places on the frame of the cabin. “But instead you can see that the interior of the plane looks completely untouched. The passenger in 24F, who the airline will only confirm was a female minor, sustained life-threatening injuries but survived in this unlikely cocoon, which experts are at a loss to explain. It’s as though this section of the plane wasn’t in the crash at all.”

I stay away from the reports where they show the casualties. Rows and rows of bodies, sometimes with broken arms and legs flopping out from beneath the drapes. Those, I simply can’t look at.

Part of me fears I’ll recognize my parents among the bodies: my mother’s left hand with her wedding ring, my father’s ankle with an army tattoo twisting up his calf.

Another part is just overwhelmed by guilt that out of 256 passengers, I was the only one who somehow survived.

But tonight there are no bodies, no blood.

There’s no plane at all.

I’m floating.

Floating in water. The ocean? A river? A lake? I can’t be sure.

But it’s cold. The kind of cold that feels more like a blade against your skin, flaying away your flesh and exposing your bones. Even though I somehow know it’s a dream, I shiver.

My hair is long and loose, billowing around me, and when I realize I’m being dragged under, I reach for items that are just suddenly there—a life jacket, a floating log, a small boat. But as soon as my fingers make contact, they pop out of existence, less real even than the dream. Exhausted, I simply flail in the water, but my arms get wound around my hair, trapping me like ropes.

Something is pulling me down. I can’t tell if it’s a current or my heavy clothes. Why am I wearing heavy clothes?

I can’t stay afloat.

I fling my arms out, looking for something else to hold onto, but the water is rising. Or I’m sinking.

I raise my chin, desperate for one more breath, and see a big, bright moon shining down on me. Tears sting my eyes as I realize it’s the last thing I’m going to see before I die—but I don’t feel fear. I feel something else.

An aching loss.

This water is taking something from me.

I open my mouth to scream, but icy liquid rushes in, filling my throat and making my teeth ache all the way into my jaw. The surface closes over my face, but my eyes remain open, looking at the bright, silvery moon.

Desperate, I manage to rip my consciousness away from the dream and force my real eyes open, where a similar moon greets them. Thankfully, this one is shining through my window, not the wavering surface of icy water. My lungs burn and I suck in air as though I had actually been on the verge of drowning. As my heartbeat slows, I touch my forehead and find beads of sweat. It’s been weeks since I had a nightmare this bad.

Weeks. I remember when nightmares like this happened every few years.

And when they did, I had a mother’s bed to jump into.

I toss back the duvet, and even though a chill ripples up my legs when the night air hits them, the shock assures me that I’m awake—the nightmare is over. My feet are resting on solid wood, not flailing in the impenetrable blackness of a bottomless lake.

Lake—it was a lake.

But I push the thought away. I don’t want to dwell on the dream. Its effect on me is lingering too long anyway.

Everything’s been a little off since therapy. Talking about my parents does that.

No, I have to be honest with myself. It’s more than that. It’s that guy. That house. The triangle.

It’s been nagging at me all evening—like I’ve seen it before. But where? Trying not to dwell on it too much, I rise on shaky limbs and cross through the shadowed room to the door.

Warm milk—the age-old remedy for nightmares.

In the kitchen I try to keep quiet, but when I hear a squeak on the stairs, I’m unsurprised to see Jay’s face poke around the doorway. “You okay?” my uncle asks softly.

“Nightmare,” I reply, waving my spoon at the microwave. It’s all I need to say. They’re used to it.

Jay steps fully into the kitchen, leaning one shoulder against the wall. There are light, but definite, shadows under his eyes.

“I’m sorry I woke you,” I add, but he dismisses my apology and runs his fingers through his sleep-tousled hair.

“I was up anyway. Been feeling a little off—insomnia, you know. Maybe Reese is right and I’ve been working too hard,” he says with a self-deprecating grimace. “But the boss has everyone putting in extra hours on this new virus.” He wrinkles his forehead. “It’s … not like anything I’ve seen before.”

Jay’s got to be about thirty-five, but he looks like a twenty-something running around in big person clothes. If I saw him on the street, I’d never believe he was a scientist, but he’s actually some kind of specialized biochemist.

He’s nice, though. Easy to talk to.

I didn’t know him before my parents died. Reese’s mom and my grandpa got married after she and my dad were mostly grown up. I was like eight. Reese had just started college and lived on campus, and I didn’t even meet her for the first several years. So finally getting to know Reese and Jay has been great.

I just wish there’d been another reason.

“Plane crash again?” Jay asks softly, noticing the expression on my face.

I pull the door of the microwave open, stopping it two seconds before it finishes so it doesn’t beep and wake Reese up too. “Actually, no.” I reach for the porcelain canister of sugar and spoon a generous helping into my mug. “Drowning of all things.” I avoid his eyes, stirring intently.

“Think maybe your mind is moving on?” Jay asks, ever the optimist.

“Maybe.” I glance up at the clock on the oven.

2:36 a.m.

“I’m fine, Jay,” I insist. Now that reality is fully with me again, I wish he wasn’t here—wasn’t witness to my freak-out. “You can go back to bed. I’m just going to finish this and then that’s where I’m headed too.”

“Are you sure?” Jay asks, his pale blue eyes glinting even in the murky shadows of the half-lit kitchen. “Because if you don’t want to be alone, I’ll wait till you’re done.”

“I’m good. Like I said, it wasn’t about the plane, just a regular nightmare.” Even as I say the words, I remember the iciness of the water and that strange, hollow sense of loss. Regular isn’t the right word either.

I force a small smile onto my face and take a sip of the foamy milk. Ahhh! Almost worth the nightmare.

Almost.

Jay gives me a long look, but there’s nothing more he can do and he seems to know it. With a nod, he turns before I can catch him yawn—I do anyway—and heads back upstairs.

As the steps squeak lightly, I drop into a chair at the kitchen table and sip my milk. My eyes skim the moonlit backyard, so silvery it looks staged. The warmth from the mug spreads through my body, and by the time it’s empty, I’m feeling much better. The bitter cold has left me, and I think maybe I can sleep again.

Maybe.

I rub at my temples for a moment, then my fingers freeze as the realization settles almost with a click.

I know where I’ve seen that triangle.

I try to be quiet as I hurry upstairs and grab my phone off my bedside table. My feet wander over to the window as I scroll through some pictures I took on one of my history walks. Down off Fifth Street—between Piper and Sand. In the Old Money part of town.

There! A white house bedecked with six gorgeous gables and curlicued eaves. I click forward a few until I reach a good shot of the front entrance—a cheerful green door stark amid crisp white walls.

And there it is. In the picture it doesn’t flicker and glimmer the way the triangle at that guy’s house did. And while it’s not exactly clear, it’s definitely there—a faintly glowing triangle, just like the other one.

I didn’t even notice it when I took the photo. What does it mean? Part of me thinks it’s probably just some kind of weird builder’s mark, but for some reason that doesn’t seem quite right. I sit on my window seat and lean back against the wall, tugging nervously at a short lock of my hair as I peer down into the backyard.

A movement catches my eye. A large, dark shape is emerging just at the edge of the trees. Probably just some hungry deer, I think. Squinting, I peer into the deep darkness and startle when a person walks out onto the grass. He’s wearing a long coat and hat and—

It’s the guy from the porch. The one I saw this afternoon.

Shock rattles through me, jarring bones that are suddenly chilled again. It doesn’t make any sense, but I see the blond ponytail and I … I just know. It’s him.

He’s at my house in the middle of the night.

Did he follow me? What the hellis he doing? Every sliver of logic within me is screaming to go get Jay. He’s just down the hall.

But instead I sit there, staring.

The blond guy walks across the backyard, very slowly, kicking grass with the toes of his knee-length boots. His hands are wedged deep in the pockets of the breeches I was admiring earlier, pushing his long coat back at the waist and showing off an embroidered vest. He seems completely unconcerned by the fact that he’s standing on someone else’s property at a totally inappropriate time. He’s not hiding or even keeping to the shadows. He’s just … walking.

The tip of my nose brushes the chilly glass and I realize I’ve practically pushed my entire body up against the window. He turns and looks right up at me. Our eyes meet.

I freeze.

There seems to be something wrong with my body the last twelve hours; my fight-or-flight mechanism isn’t working quite right; it’s stuck on simply stop. I don’t so much as twitch as his gaze takes me in—my wide eyes, my open mouth, my fingertips making ten little smudges on the frosted glass.

Then he smiles—half-interested, half-amused, as though this were some kind of game.

But I don’t know the rules.

Strength seems to drain from my arms and my hands drop slowly, my fingers making lines down the clouded windowpane. We both stand there, frozen in time, just staring.

He raises one hand and crooks a gloved finger at me, inviting me out. I squeak and pull away, flattening myself against the wall, out of sight.

Hiding him from my sight.

My heart pounds in my temples and my fingertips as I stand there counting my breaths, trying to calm down. Who is this guy? How did he find me? After ten long breaths I scoot over and turn, peeking out from behind the curtain. I don’t have to hide, I rationalize, I’m not the one doing something wrong.

But though I stand at the window staring down for several minutes, nothing stirs, nothing moves.

He’s gone.

I’m so confused. I don’t know this guy—I’ve never seen him in my life before today.

So why do I miss him?

Primo capitolo di Destined TRADOTTO!

Mi è stato chiesto di tradurre il primo capitolo di Destined, e così ho fatto!
Premetto che la mia traduzione non è bella come quella che si legge sui libri, ed è molto, ma molto letterale.

ENJOY!

Destined: Primo Capitolo

Tamani premette la fronte contro il gelido vetro della finestra, combattendo un’ondata di esaurimento. Il sonno non era un opzione plausibile, non mentre l’unica cosa che c’era tra lui e una fata d’inverno arrabbiata era una sottile linea di sale da cucina.

Quella sera, era un fear-gleidhidh due volte.

Quella parola così antica di solito portava con orgoglio. L’aveva segnato come guardiano di Laurel, il suo protettore. Ma aveva un significato più ricco, che andava oltre la più tradizionale Am-fear-faire. Fear-gleidhidh significava guardiano e Tamani era stato incaricato non solo di mantenere Laurel al sicuro, ma di fare anche attenzione che lei portasse a termine la missione che Avalon le aveva assegnato da bambina.

Ora lui giocava anche il ruolo del guardiano di prigione.

Guardò il suo prigioniero. La sedia di Yuki stava posizionata sul linoleum consumato nel bel mezzo di uno spesso cerchio bianco, un cerchio di sale granuloso. Lei dormiva, la guancia appoggiata sulle ginocchia, le mani ancora legate, non tropo strette, dietro di lei. Sembrava a disagio. Battuta.

Innocua.

“Avrei rinunciato a tutto per te.” La sua voce era sommessa, ma chiara.

Non poteva dormire affatto. Lei non avrebbe mai potuto essere innocua, ricordò a se stesso. Il piccolo fiore bianco sbocciato a metà della sua schiena, che faceva di lei una fata d’inverno, ne era una prova sufficiente. Era passata più di un’ora dal momento che David l’aveva ammanettata alla sedia -un’ora da quando Chelsea aveva mostrato la prova inconfutabile che lei era, in realtà, una fata d’inverno- e Tamani non si era ancora abituato a quella vista. Lo riempiva di una gelida paura che non aveva mai provato prima.

“Ero pronta. Ecco perché ti ho fermato prima che mi portassi dentro. ” Yuki alzò lo sguardo e aprì le gambe, stendendole come meglio poteva, date le circostanze. “Ma comunque lo sapevi, non è vero?”

Tamani si trattenne dal risponderle. Lui l’aveva saputo. E per un momento era stato tentato di lasciarle confessare tutto. Ma non sarebbe finita bene. Yuki alla fine avrebbe scoperto che le sue attenzioni erano state tutta una messa in scena, e sarebbe rimasto alla mercé di una fata d’inverno disprezzata. Meglio porre fine a quella farsa.

Sperava che non si stesse sbagliando. Yuki rappresentava una minaccia, e lui non avrebbe dovuto provare alcun senso di colpa a mentirle, tanto meno ora che sapeva che anche lei gli aveva mentito. Il potere che le fate d’inverno avevano sulle piante le rendeva capaci ti percepire forme di vita vegetale a distanza, quindi dal momento in cui Yuki aveva incontrato Tamani, sapeva che lui era una fata. E anche Laurel. Si era presa gioco di tutti loro.

Allora perché si chiedeva ancora se avesse fatto la cosa giusta?

“Avremmo potuto essere così felici insieme, Tam,” Yuki continuò a parlare, la sua voce vellutata come il suo vestito d’argento sgualcito, ma con una punta di malvagità che fece rabbrividire Tamani. “Laurel non lo lascerà per te. Può essere una fata all’esterno, ma dentro è tutta umana. David o non David, lei appartiene a questo mondo, e tu lo sai. ”

Evitando gli occhi del suo comandante, Tamani si voltò verso la finestra e guardò fuori nel buio, facendo finta di guardare. . . qualcosa. Qualsiasi cosa. La vita di una sentinella era piena di brutalità e sia Tamani che Shar avevano entrambi visto l’altro adottare misure estreme per proteggere la propria patria. Ma sempre contro una minaccia evidente, un aggressore violento, un nemico provato. I Trolls erano il loro nemico- lo erano sempre stato. Le Fate invernali erano i padroni di Avalon e anche se Yuki li aveva ingannati, non li aveva mai effettivamente feriti. In qualche modo, incatenandola si era sentito peggio di quando uccideva un centinaio di troll.

“Io e te, Tam, siamo la stessa cosa,” continuò Yuki. “Siamo stati usati da persone a cui non importa niente di ciò che vogliamo o ciò che ci rende felici. Non apparteniamo a loro; noi ci apparteniamo “.

A malincuore, Tamani guardò di nuovo verso di lei. Fu sorpreso di vedere che non lo guardava mentre parlava, stava fissando un punto oltre alla sua figura, fuori dalla finestra, come se nella sua immaginazione ritenesse ancora possibile un qualche futuro radioso insieme a lui. Tamani era più realista.

“Non c’è nessuna porta in questo mondo che ci può essere chiusa, Tam. Se ti rendi garante per me, potremmo anche andare tranquillamente ad Avalon. Potremmo stare lì insieme e vivere a palazzo. ”

“Come fai a sapere del palazzo?” chiese Tamani spontaneamente, sapendo che facendo così aveva abboccato alla sua esca. Un sospiro appena udibile provenne da Shar, e Tamani si chiese se era diretto alla stupidità di Yuki o alla sua.

“Oppure potremmo stare qui”, proseguì, con calma, come se Tamani non avesse detto nulla. “Ovunque volessimo andare, tutto ciò che vorremmo fare, potremmo farlo. Tra il tuo potere sugli animali e il mio sulle le piante, il mondo sarebbe nostro. Sai, la coppia formata da una fata di primavera e una d’inverno avrebbe funzionato davvero bene. I nostri talenti si completano perfettamente l’un l’altro”

Tamani si chiese se Yuki comprendesse quanto avesse ragione, o quanto poco lo tentasse.

“Io ti avrei amato per sempre”, sussurrò, chinando la testa. La sua scura, lucida chioma cadde in avanti, velandole il viso, e lei tirò su col naso in silenzio. Stava piangendo, o soffocando una risata?

Tamani fu sorpreso quando un sentì bussare alla porta. Prima che potesse fare un passo, Shar si era spostato in silenzio allo spioncino. Un coltello stretto nel suo pugno, Tamani teso- pronto. Era Klea? Era questo lo scopo di tutto quello che avevano fatto –il cerchio, Yuki in manette- un‘elaborata trappola per catturare la fata d’autunno che forse stava cercando di ucciderli.

O forse no.

Se solo avrebbero potuto saperlo con certezza.

Fino a quando non si fossero fatti avanti, Tamani avrebbe dovuto considerarli una minaccia, una letale.

Ma con una smorfia appena accennata Shar aprì la porta e Laurel entrò nella stanza, Chelsea subito dietro di lei.

“Laurel,” fu tutto quello che Tamani riuscì a dire, il coltello scivolò dalle sue dita. Anche se aveva amato Laurel da quando riusciva a ricordare, e ultimamente era diventato qualcosa. . . qualcosa di più, provava ancora un senso di gioia ogni volta che la vedeva.

Laurel si era cambiata, si era tolta il vestito blu scuro che aveva prima al ballo, quello che aveva indossato quando lui l’aveva stretta fra le braccia un anno prima al festival di Samhain, quando l’aveva baciata con tanta passione. Sembrava un momento così lontano.

Laurel non lo stava guardando, aveva occhi solo per Yuki.

“Non dovresti essere qui”, sussurrò Tamani.

Laurel inarcò un sopracciglio in risposta. “Volevo vedere la situazione con i miei occhi.”

Tamani strinse i denti. In verità, lui voleva che lei fosse lì, ma i suoi desideri egoistici erano in contrasto con la sua preoccupazione per la sua sicurezza. Sarebbe mai stato in grado di soddisfare entrambi?

“Credevo che fossi andata via, subito dopo David,” Tamani si rivolse a Chelsea, che era ancora nel suo vestito rosso intenso. Aveva abbandonato i tacchi da qualche parte, in quel modo la parte inferiore del suo vestito rimaneva ai suoi piedi come fosse sangue.

“Non sono riuscita a trovarlo,” Chelsea disse, le labbra tremanti in modo quasi impercettibile. Guardò Laurel, che stava ancora studiando la loro prigioniera in silenzio.

“Yuki?” disse Laurel in modo incerto. “Stai bene?”

Yuki alzò gli occhi, fissando Laurel con uno sguardo d’acciaio e carico di odio. “Ti sembra che stia bene? Sono stata rapita! Sono ammanettata a una sedia di metallo! Come pensi che io stia? ”

Il tono velenoso della fata d’inverno sembrava colpire Laurel come un’onda d’urto, Laurel fece un passo indietro. “Sono venuta a controllare te.” Laurel guardò Tamani, ma Tamani non era sicuro di ciò che voleva. Incoraggiamento? Permesso? Le offrì una smorfia dolorosa e una piccola, impotente alzata di spalle.

Laurel si voltò verso Yuki, la sua espressione era illeggibile, il mento rivolto verso l’alto. “Che cosa vuole Klea da me?” chiese Laurel.

Tamani non si aspettava che rispondesse, ma Yuki incontrò lo sguardo di Laurel e disse semplicemente: “Niente.”

“Allora perché sei venuta?”

Yuki ora stava sorridendo, un sorriso malvagio. “Non ho mica detto che lei non ha mai voluto nulla. Ma adesso non ha più bisogno di te. ”

Gli occhi di Laurel si volsero subito verso Tamani, poi verso Shar, prima di tornare a Yuki.

“Laurel, ascolta”, disse Yuki, la sua voce tranquilla, confortante. “Questa farsa è completamente inutile. Parlerò a voi se mi lascerete andare fuori di qui. ”

“Basta”, disse Tamani.

“Vieni qui e fammi stare zitta”, disse Yuki, fissando Tamani prima di tornare a Laurel. “Non ho mai fatto nulla per farti del male e tu sai che avrei potuto farlo. Ti avrei potuto uccidere un milione di volte, ma non l’ho fatto. Questo non conta niente per te? ”

Tamani aprì la bocca, ma Laurel gli posò una mano sul petto, mettendolo a tacere. “Hai ragione. Ma tu sei una fata d’inverno. L’hai tenuto nascosto, anche se sapevi ciò che eravamo. Perché? ”

“Perché, pensi? Perché nel momento in cui le tue amiche sentinelle hanno scoperto ciò che ero, mi hanno incatenata ad una sedia! ”

Tamani odiava il fatto che avesse ragione, che Laurel non sarebbe stata in grado di negarlo.

“Okay, beh, forse abbiamo solo bisogno di ricominciare da capo», disse Laurel. “Se tutti noi riuscissimo a risolvere la cosa prima che Klea si presenti, ancora meglio. Se potessi solo dirci-”

“Tamani ha le chiavi”, disse Yuki, guardando oltre di lui, la malizia scintillava nei suoi occhi. “Fammi uscire di qui, ti dirò tutto quello che vuoi sapere.”

“Nessun accordo”, disse Tamani, facendo del suo meglio per sembrare annoiato.

Laurel parlò ancora una volta a Yuki, tagliandoli fuori. “Probabilmente è più sicuro per tutti, se-”

“No!” Yuki gridò. “Non posso credere che anche tu faccia parte di questo! Dopo quello che ti hanno fatto? Che hanno fatto ai tuoi genitori? ”

Tamani si accigliò; cosa avevano a che fare i genitori di Laurel con tutto ciò?

Ma Laurel stava già scuotendo la testa. “Yuki, non mi piace il fatto che mi hanno fatto dimenticare. Ma non posso cambiare il passato-”

“Dimenticare? Non sto parlando dell’ elisir per la memoria. Non sai niente del veleno? ”

“Oh, andiamo,” sbottò Tamani.

Laurel lo zittì. “Yuki, sai chi ha avvelenato mio padre?”

Tamani era sicuro della risposta, e sapeva che anche Laurel lo era, doveva essere stata Klea. Ma se Laurel fosse riuscita a convincere Yuki a confermare i loro sospetti. . .

“Tuo padre?” Yuki sembrava confusa. “Perché avrebbero dovuto avvelenare tuo padre? Sto parlando di tua madre. ”

Ancora una volta Laurel guardò Tamani, e lui scosse la testa con una piccola alzata di spalle. A che gioco stava giocando Yuki?

“non lo sai nemmeno, vero? È una grande coincidenza che la coppia che si trovava a possedere la terra intorno al cancello era una coppia senza figli, in attesa che una piccola bambina bionda apparisse nella loro vita. Come è . . . conveniente. Non credi? ”

“Basta”, disse bruscamente Tamani. Avrebbe dovuto saperlo, altri giochi. Yuki stava solo cercando altri modi per farli dubitare di sé stessi, e degli altri.

“L’hanno fatto,” disse Yuki. “Ancora Quindici anni prima che tu ti presentassi sulla soglia di casa loro, le fate hanno fatto in modo che tua madre fosse abbastanza affamata di bambini da prenderti senza alcun ripensamento. L’hanno danneggiata, Laurel. Hanno Fatto in modo che non avesse mai più potuto avere figli suoi. Hanno rovinato la sua vita e tu ti sei schierata con loro “.

“Non ascoltarla, Laurel. Non è vero “, disse Tamani. “Sta solo cercando di entrare nella tua testa”.

“Davvero? Perché non lo chiedi a lui? “